Anziano morto in Rsa, famiglia presenta esposto in Procura contro casa di cura
Maggio 9, 2020
Abusi su una bambina dell’ex parroco di Sommaia. La sentenza ha accolto richieste famiglia minore
Agosto 1, 2020
Mostra tutto

Botte a una 20enne in disco, denunciato l’ex viola Diakhate

AGGRESSIONE AL SUMMER SUITE DELLE CASCINE, LA VITTIMA È STATA MEDICATA IN OSPEDALE E DIMESSA CON 30 GIORNI DI PROGNOSI

Botte a una 20enne in disco, denunciato l’ex viola Diakhate

Una ragazza accusa il calciatore di averla picchiata. Ma dietro la presunta aggressione ci sarebbero screzi con la fidanzata dell’atleta.

C’e’ una denuncia nei confronti dell’ex calciatore della primavera viola, Abdou Diakhate, senegalese, oggi di proprietà del Parma. Una ragazza lo accusa di averlo picchiato, durante una serata alla discoteca “Summer Suite” alle Mulina, alle Cascine. La giovane – S.D., 20 anni – ha riportato lesioni alla mandibola e la rottura di alcuni denti. Trenta giorni di prognosi, dicono i referti medici, probabilmente destinati a crescere. Anche se quella sera – era la notte dello scorso 24 luglio – al pronto soccorso la ragazza ci è arrivata con un’ambulanza dopo essere stata accompagnata fuori dal locale dalle amiche.

Il calciatore sarebbe stato infatti preso in consegna dai security e invitato ad andarsene. Il legale della 20enne, l’avvocato Francesco Di Luciano, ha messo nero su bianco che Diakhate avrebbe avvicinato S.D. con una scusa e poi le avrebbe sferrato un pugno. Ma la questione pare più controversa e affonda le sue radici quasi un anno fa. S.D. ed alcune amiche ebbero infatti alcuni screzi con la giovane fidanzata del calciatore senegalese, una 19enne fiorentina. Per quei fatti, ricorda l’avvocato Massimiliano Manzo, legale di Diakhate e della fidanzata, ci sarà un processo per lesioni a ottobre in cui S.D., la giovane che accusa il calciatore, è una delle tre imputate per lesioni.

E allora cos’è successo giovedì scorso alla Summer Suite delle Cascine? “Diakhate non è andato in nessun locale per picchiare ragazze e non ha avvicinato nessuno con una scusa – dice l’avvocato Manzo -. Anzi è stato lui chiamato da S.D., si è piegato per ascoltare cosa avesse da dire, conoscendo i precedenti tra lei e la sua fidanzata. È stato colpito dalla ragazza alla nuca e come avrebbe fatto chiunque, per lo spavento e per difendersi, ha reagito colpendola anche lui. È stata una legittima difesa”.

“Il locale in tutta questa vicenda ha agito nel rispetto della regole e in totale sicurezza”, ha invece fatto sapere il titolare della Summer Suite per bocca degli avvocati Francesco Stefani e Fabio Generini.

La vicenda ha comunque scatenato una guerra anche sui social, dove gruppi animati da queste ruggini sfocate nell’aggressione di un anno fa, si sbeffeggiano, si insultano, si provocano. Diakhate, classe 1998, dopo essere stato una promessa del vivaio viola oggi gioca in Belgio. Lui però è rimasto legato a Firenze, dove vive la fidanzata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *